Il progetto di Airbnb per il rilancio dei borghi italiani

12/10/2017

Un progetto per la valorizzazione di una ventina piccoli centri della nostra Penisola: si chiama “Borghi italiani” l’iniziativa lanciata da Airbnb in collaborazione con il MiBACT (Ministero dei Beni Culturali) e con Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani). Obiettivo del progetto portare i turisti che ogni anno attraversano il nostro Paese fuori dal circuito delle grandi città, alla scoperta dei borghi che costellano il nostro territorio, favorendone così la rinascita e un nuovo sviluppo.

 

Civitacampomarano (CB) Civita di Bagnoregio (VT)

 

La nuova iniziativa nasce sulla scia del progetto pilota “Casa d’Artista” lanciato nella primavera del 2017 a Civitanova di Bagnoregio: nell’antico borgo laziale, Airbnb e l’amministrazione comunale hanno promosso la ristrutturazione dell’edificio Casa Greco trasformandolo in una Casa d’Artista, un luogo dove artisti e viaggiatori possono vivere, studiare e trovare ispirazione per le proprie opere, il tutto a prezzi agevolati il cui ricavato viene utilizzato dal Comune per sostenere altri progetti culturali legati al borgo.

Per il 2018 saranno coinvolti i borghi di Lavenone, in Lombardia, Civitacampomarano, in Molise, e Sambuca in Sicilia, dove sono stati individuati tre edifici pubblici che saranno oggetto di ristrutturazione. A Lavenone (BS), comune di 550 abitanti vicino ai laghi e alle montagne, si interverrà su un ostello gestito dalla comunità locale dando vita a spazi flessibili e multifunzionali che incoraggino le relazioni tra gli ospiti. A Civitacampomarano (CB) è stata scelta invece la casa natale dello scrittore Vincenzo Cuoco che sarà protagonista di un progetto di street art, mentre a Sambuca (AG) si punta sul museo archeologico locale dove sarà collocata un’installazione site specific realizzata ispirandosi al patrimonio culturale della cittadina.

 

Lavenone (BS) Sambuca (AG)

 

Rientra nel progetto “Borghi italiani” anche la piattaforma italianvillages, un sito lanciato da Airbnb per promuovere a livello internazionale 20 piccoli borghi, uno per ciascuna regione: Aieta (Calabria), Apricale (Liguria), Asolo (Veneto), Barolo (Piemonte), Bevagna (Umbria), Bitti (Sardegna), Città Sant’Angelo (Abruzzo), Cividale del Friuli (Friuli Venezia Giulia), Dozza (Emilia Romagna), Étroubles (Valle d’Aosta), Furore (Campania), Mezzano (Trentino Alto Adige), Moresco (Marche), Pisticci (Basilicata), Poggiorsini (Puglia), Sabbioneta (Lombardia), San Casciano dei Bagni (Toscana), Sperlonga (Lazio), Savoca (Sicilia) e Torella del Sannio (Molise).

Di Zoe La Fleur
FOTO © AIRBNB