• per parole chiave
  • per testo libero

Bonifica amianto: due nuove schede informative da Inail

07/03/19
Bonifica amianto: due nuove schede informative da Inail

Nonostante sia stato vietato dal 1992, l’amianto è ancora presente in numerosi siti industriali e non solo del nostro Paese non ancora sottoposti a interventi di bonifica. A tal proposito il Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici (Dit) dell’Inail ha redatto due schede informative (con elementi operativi e indicazioni pratiche) dedicate alla bonifica delle coperture in cemento amianto e alla bonifica dei materiali amianto in matrice friabile.

Due strumenti che sintetizzano in modo esauriente le procedure da seguire, compreso lo smaltimento dei rifiuti.

In particolare, per quanto riguarda le coperture, nella scheda si precisa che la bonifica deve essere necessariamente effettuata in ambiente aperto, non confinabile e dovrà essere condotta limitando il più possibile la dispersione di fibre in aria.

Sul fronte della bonifica dei materiali contenenti amianto in matrice friabile si sottolinea come il metodo più idoneo, sebbene presenti costi iniziali maggiori rispetto agli altri metodi, è la rimozione dal momento che consente di eliminare definitivamente il rischio contaminazione.

Il confinamento, ovvero l’installazione di una barriera a tenuta che separi le aree in bonifica dal resto dell’edificio, è indicato nel caso di materiali facilmente accessibili, come ad esempio le colonne, mentre l’incapsulamento aumentando il peso strutturale, aggrava la tendenza del materiale a delaminarsi o a staccarsi dal substrato, con conseguente dispersione di fibre nell’ambiente.

BigMat Italiahttps://www.bigmat.it/system/modules/it.bigmat.sito/resources/img/bigmat.png