• per parole chiave
  • per testo libero

La nuova GAMeC di Bergamo

27/11/18
Nuova Gamec Bergamo

Porta la firma dello studio C+S Architects il progetto della nuova Galleria di Arte Moderna e Contemporanea – GAMeC – di Bergamo. La sede del museo, inserita all’interno di un più ampio intervento di riqualificazione dell’area compresa tra l’ex caserma Montelungo nel centro città e l’Accademia Carrara, sfrutterà la struttura dell’attuale palazzetto dello sport che sarà trasformato per accogliere la collezione di opere d’arte.

Lo studio C+S Architects, vincitore del Premio Nazionale del BigMat International Architecture Award ’17 e autore della rubrica “Riflessioni di un architetto” su UP! Magazine, recupera l’edificio con pianta ellittica e strutture verticali in cemento armato degli anni Sessanta reinventandolo come spazio che produce una nuova energia urbana. Gli architetti trasformeranno radicalmente la struttura interna del palazzetto demolendo le gradonate e mantenendo invece la cintura dei pilastri che descrivono e caratterizzano la forma ellittica dell’edificio. In questo modo si crea una continuità tra passato e futuro: da un lato si tiene traccia delle strutture originali e dall’altro si inventa un nuovo spazio per accogliere il museo.

Il progetto di C+S Architects trasforma il palazzetto dello sport della città nella sede della Galleria di Arte Moderna e Contemporanea BigMat Italiahttps://www.bigmat.it/system/modules/it.bigmat.sito/resources/img/bigmat.png

La nuova GAMeC poggerà su una piattaforma, leggermente rialzata rispetto al livello della strada e raccordata con una serie di rampe che garantiscono la totale accessibilità dell’edificio. Dalla piattaforma si erge un volume ellittico che presenta lastre curve di acciaio zincato e sulla cui sommità trova posto uno spazio dedicato alla ristorazione con una terrazza panoramica.

All’interno, i quattro piani fuori terra permettono la realizzazione di livelli dall’altezza variabile destinati all’esposizione della collezione permanente e delle mostre. Collocate al centro del museo, le sale espositive sono racchiuse in una scatola traslucida le cui pareti trasparenti sono costituite da sistemi modulari di policarbonato che garantiscono la diffusione della luce e l’isolamento acustico.

 

Crediti foto: © C+S Architects