• per parole chiave
  • per testo libero

Protezione con le vernici delle strutture in legno

10/12/19

Il legno è un materiale che da sempre viene impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (strutturali, decorative, arredamento ecc.).

Il legno è oggi apprezzato per le ottime prestazioni tecniche degli elementi strutturali e per l’ampia scelta delle caratteristiche estetiche realizzabili e il suo utilizzo in Italia è in continua espansione, sia per la costruzione di strutture portanti sia per i rivestimenti.

Sin dagli albori del suo impiego, il legno ha però posto il problema della sua combustibilità, intesa come capacità del materiale di ardere e di bruciare fino alla sua totale combustione.

Il legno deve inoltre essere protetto dagli agenti che possono compromettere o limitare nel tempo la sua durabilità, ovvero gli agenti biologici (muffe, funghi, ecc.), gli agenti climatici (sole, pioggia, gelo, ecc.) e infine gli insetti xilofagi (tarli, termiti, capricorno delle case, ecc.).

Corrette tecnologie costruttive permettono di migliorare notevolmente le prestazioni e di ridurre i rischi di degrado, ma per le strutture esistenti e comunque dove non si può intervenire in fase progettuale, Amonn ha messo a punto una serie di cicli vernicianti protettivi che, in combinazione tra loro, permettono di utilizzare il legno come materiale da costruzione, garantendo nel tempo le caratteristiche meccaniche e il rispetto delle prescrizioni di legge in campo antincendio.

Foto struttura

La scelta del sistema da utilizzare si divide nelle seguenti due fasi.

  1. Individuazione della prescrizione antincendio. Nelle attività soggette a prevenzione incendi, il titolare dell’attività chiede l’assistenza di un tecnico abilitato, il quale cura i contatti con il comando dei Vigili del fuoco e, nel rispetto delle prescrizioni di legge, predispone un progetto di prevenzione incendi.

    Nel progetto antincendio vengono individuati gli elementi o le strutture che dovranno essere soggetti a trattamento di protezione e per gli stessi viene stabilita una “classe” da realizzare.

    Le “classi” sono diverse per gli elementi di arredamento o rivestimento (pavimenti, rivestimenti a parete o soffitto, mobili, ecc.) e per gli elementi da costruzione (solai, pilastri, travi e tetti).

    La “classe” per gli elementi di arredamento e rivestimento si esprime con un numero o una lettera (esempio classe 1 oppure classe B s1 d0) mentre per le strutture si esprime con una lettera seguita da un numero (esempio R 30) dove il numero 30 esprime il tempo in minuti che la struttura deve resistere prima di crollare a causa di un incendio.

  2. Per gli elementi in legno soggetti a trattamento di protezione devono poi essere determinati la classe di esposizione agli agenti atmosferici, il tipo di legno utilizzato e la possibilità concreta di attacco da insetti xilofagi. Utile per individuare la classe di esposizione agli agenti atmosferici è la norma EN 335-1, come riassunto nelle seguenti tabelle:

Classi di rischio di attacco biologico

Tabella Classi di rischio di attacco biologico

Per gli elementi in legno posizionati in classe di rischio 1 la possibilità di danneggiamento da funghi e muffe è estremamente ridotta, mentre permangono i rischi legati agli insetti xilofagi e alla combustibilità.

Gli elementi in legno in classe 2, oltre alla combustibilità e agli insetti, dovranno prevedere un trattamento per la protezione dagli agenti biologici.

Infine gli elementi nelle classi 3.1 e 3.2 vedranno ridotte le richieste di prestazioni legate alla combustibilità e crescere invece le esigenze legate alla protezione biologica e climatica.

 

PROTEZIONE DAL FUOCO, BIOLOGICA E CLIMATICA DI ELEMENTI IN LEGNO DI ARREDAMENTO E RIVESTIMENTO (PAVIMENTI, RIVESTIMENTI A PARETE E SOFFITTO, MOBILI, ECC)

POSSIBILI PRESCRIZIONI ANTINCENDIO:

CLASSE DI REAZIONE AL FUOCO 1 (UNO) - NORMA ITALIANA

CLASSE DI REAZIONE AL FUOCO  B  s.. d.. – B fl s..  - NORMA EUROPEA

 

CLASSE DI ESPOSIZIONE CLIMATICA 1 e 2 – INTERNO ASCIUTTO/UMIDO ED ESTERNO COPERTO – IMPIEGO SU MOBILI, RIVESTIMENTI A PARETE O SOFFITTO

  • Impregnante antitarlo a base acqua o solvente LIGNEX AQUADEFEND o LIGNEX DEFEND per la protezione preventiva da insetti xilofagi (tarlo, capricorno delle case, ecc)
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • Impregnante a base acqua o solvente WOODPRO WASSERLASUR o WOODPRO IMPRAEGNIERLASUR per la colorazione e decorazione del legno
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • VERNICE POLIURETANICA BICOMPONENTE IGNIFUGA A SOLVENTE AMOTHERM WOOD 450 SB
    QUANTITÀ NECESSARIA 3 MANI - 460 GR/MQ
    In alternativa VERNICE BICOMPONENTE IGNIFUGA A BASE ACQUA SOLVENTE PROTHERM AQUAVIS 
    QUANTITÀ NECESSARIA 2 MANI - 360 GR/MQ

 

CLASSE DI ESPOSIZIONE CLIMATICA 1 e 2 – INTERNO ASCIUTTO/UMIDO – IMPIEGO PAVIMENTI IN LEGNO

  • Impregnante a base acqua WOODPRO WASSERLASUR per la colorazione e decorazione del legno QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO- RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • VERNICE POLIURETANICA BICOMPONENTE IGNIFUGA A SOLVENTE AMOTHERM WOOD 540 SB
    QUANTITÀ NECESSARIA 2 MANI - 320 GR/MQ
    In alternativa VERNICE IGNIFUGA A BASE ACQUA AMOTHERM WOOD HYDROLAC WB
    QUANTITÀ NECESSARIA 2 MANI - 300 GR/MQ

Pavimenti in legno

CLASSE DI ESPOSIZIONE CLIMATICA 3 – ESTERNO – IMPIEGO SU MOBILI, RIVESTIMENTI A PARETE O SOFFITTO

  • Impregnante antitarlo a base acqua o solvente LIGNEX AQUADEFEND o LIGNEX DEFEND per e la protezione preventiva da insetti xilofagi (tarlo, capricorno delle case, ecc)
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO
  • Impregnante a base solvente WOODPRO IMPRAEGNIERLASUR per la colorazione e decorazione del legno
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO
  • VERNICE POLIURETANICA BICOMPONENTE IGNIFUGA A SOLVENTE AMOTHERM WOOD 450 SB
    QUANTITÀ NECESSARIA 3 MANI - 460 GR/MQ

 

CLASSE DI ESPOSIZIONE CLIMATICA 3 – ESTERNO – IMPIEGO SU PAVIMENTI IN LEGNO

I pavimenti per esterno in legno sono solitamente realizzati con legni durevoli e resistenti agli agenti atmosferici come il teak o altre essenze esotiche. Necessitano quindi del solo trattamento antincendio di cui al punto 3) ma, nel caso siano stati utilizzati legni teneri e chiari, come ad esempio l’abete, il trattamento dovrà essere così composto:

  • Impregnante antitarlo a base acqua o solvente LIGNEX AQUADEFEND o LIGNEX DEFEND per e la protezione preventiva da insetti xilofagi (tarlo, capricorno delle case, ecc)
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • Impregnante a base solvente WOODPRO IMPRAEGNIERLASUR per la colorazione e decorazione del legno
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • VERNICE POLIURETANICA BICOMPONENTE IGNIFUGA A SOLVENTE AMOTHERM WOOD 540 SB
    QUANTITÀ NECESSARIA 2 MANI - 320 GR/MQ

 

Elementi in legno da esterno

 

PROTEZIONE DAL FUOCO, BIOLOGICA E CLIMATICA DI ELEMENTI DA COSTRUZIONE IN LEGNO (SOLAI, PILASTRI E TRAVI)

POSSIBIBILI PRESCRIZIONI ANTINCENDIO: CLASSE DI RESISTENZA DA R15 a R 120

CLASSE DI ESPOSIZIONE CLIMATICA 1 INTERNO ASCIUTTO – TINTE LEGNO

  • Impregnante antitarlo a base acqua o solvente LIGNEX AQUADEFEND o LIGNEX DEFEND per e la protezione preventiva da insetti xilofagi (tarlo, capricorno delle case, ecc)

  • Impregnante a base acqua o solvente WOODPRO WASSERLASUR o WOODPRO IMPRAEGNIERLASUR per la colorazione e decorazione del legno
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • CICLO IGNIFUGO A BASE ACQUA E SOLVENTE AMOTHERM WOOD WSB
    QUANTITÀ DA APPLICARE DA 460 A 760 GR/MQ. PER LA DEFINIZIONE DEL CORRETTO CONSUMO INVIARE UNA RICHIESTA ALL’UFFICIO TECNICO DELLA AMONN ALL’INDIRIZZO ingass@amonncolor.com accompagnata dal modello richiesta scaricabile all’indirizzo

 

CLASSE DI ESPOSIZIONE CLIMATICA 1  – INTERNO ASCIUTTO – COLORATO COPRENTE

  • Impregnante antitarlo a base acqua o solvente LIGNEX AQUADEFEND o LIGNEX DEFEND per e la protezione preventiva da insetti xilofagi (tarlo, capricorno delle case, ecc)
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • Isolante base acqua LIGNEX AQUA ISOLIERGRUND per limitare la fuoriuscita delle resine e formazione di macchie dovute a estrattivi del legno (tannino)
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA MANO - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

  • CICLO IGNIFUGO A BASE ACQUA AMOTHERM WOOD WB
    QUANTITÀ DA APPLICARE DA 400 A 900 GR/MQ. PER LA DEFINIZIONE DELLA CORRETTA QUANTITÀ IN APPLICAZIONE INVIARE UNA RICHIESTA ALL’UFFICIO TECNICO DELLA AMONN ALL’INDIRIZZO ingass@amonncolor.com accompagnata dal modello richiesta scaricabile all’indirizzo

  • Per tinte finali diverse dal bianco finitura a base acqua AMOTHERM WOOD TOP WB disponibile in tinte RAL e NCS
    QUANTITÀ NECESSARIA UNA O DUE MANI A SECONDA DEL COLORE - RESA 10-12 MQ LITRO PER MANO

 

Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale Amonn Color

Il legno è un materiale da sempre apprezzato per le sue ottime prestazioni tecniche ed estetiche ma, se impiegato nelle costruzioni, pone il problema della sua combustibilità e deve inoltre essere protetto dagli agenti che possono compromettere o limitare nel tempo la sua durabilità: agenti biologici, climatici e insetti xilofagi. BigMat Italiahttps://www.bigmat.it/system/modules/it.bigmat.sito/resources/img/bigmat.png